Vuoi iscriverti alla newsletter e rimanere aggiornato sul concorso?

LABIRINTI

Tecnica: Disegno a matita + colorazione digitale con fondi acquerello

Le idee sono esperienze che, dopo aver attraversato complicatissimi labirinti mentali, riescono a trovare l’uscita. È facile che si perdano, perciò è opportuno tracciare il cammino o lasciar scorrere dietro sé il classico filo d’Arianna. Quando, nelle sale italiane, uscì “Il nome della rosa” di Jean-Jacques Annaud, ero uno studente prossimo alla maturità e ne rimasi affascinato e contrariato al tempo stesso. Negli anni compresi quel mio sentimento contrastante: la conoscenza a cui oggi si può liberamente accedere, era un fatto affascinante e misterioso, ma per pochi eletti. Anche lì, dove pochi avevano a portata di mano tutti i tesori letterari dell?epoca, non vi era possibilità alcuna di progredire. Tutto ciò che era pericoloso per le coscienze, veniva censurato. Oggi la cultura è una parola così generica, che non si sa più cosa voglia dire. Ogni ambito culturale ha le sue regole e i suoi censori, e spesso ci si muove in labirinti complicatissimi. Ma veniamo al film. La scena che ho amato di più è, dunque, la scoperta della biblioteca. Ho ripercorso le varie sequenze, immaginando di essere all’interno della torre, protagonista di un bel rompicapo. Sono affiorate alla memoria le scale illusorie di Escher, le stampe calcografiche del Piranesi della serie delle “Carceri” e le strabilianti opere d’ingegneria degli antichi costruttori di cattedrali. Amo pensare che Jean-Jacques Annaud, dopo aver letto l’opera di Umberto Eco, producesse sogni poco tranquilli e che una notte, per trovare il bagno, dovette faticare non poco.

Marco Zaini
Marco Zaini
Articoli: 7

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *