Vuoi iscriverti alla newsletter e rimanere aggiornato sul concorso?

31 commenti

  1. Io trovo che questo disegno sia davvero meraviglioso.Qualcuno sapreppe dirmi come posso acquistarlo?la mia piccola ne e’ rimasta davvero entusiasta!!!!

  2. Impeto e leggerezza si fondono creando un’unica armonia: fa venire voglia di viaggiare…con la mente e con il corpo. Molto OLP. Complimenti.

  3. nel vederlo ho avvertito un soffio d’aria, quasi che mi venisse a sollevare per volare nel disegno, e magari addormentarmi cullata in una delle mongolfiere! complimenti!

  4. è quello che m’ha colpito di più tra tutti i 156 disegni in gara. li ho visti uno per uno. bravissima l’artista. vorrei conoscerla.

  5. scusate, io mi dissocio da quanto detto fino adesso…

    dico quello che penso, secondo me, sia tecnicamente che in quanto a composizione e anatomicamente nel personggio ci sarebbe da lavorarci ancora parecchio.
    rispetto a quello che ho visto sulla tua galleria ( escludendo le copie della Dautremer!!!) le tue cose sono belle!!! se posso permettermi, quando lavori con le macchie sei bravissima, ma qui non mi sembra tu sia riuscita a dare il meglio!!

  6. sottoscrivo pienamente quanto asserisce Noemi Gambini.
    Con tutto il rispetto per una persona che, verosimilmente giovane e con l’apprezzabile voglia d’imparare anche rifacendo umilmente le tavole della Dautremer, tutti i commenti letti temo appartengano a persone con un senso artistico pressoché inesistente, ma legittimo d’essere, perbacco!

  7. Rispondo a Noemi e Matteo, accetto qualsiasi tipo di commento anche negativo ci mancherebbe ma che sia almeno costruttivo ,per quel riguarda Noemi rispetto il tuo pensiero anche se non riesco a riscontrare queste gravi carenze nella composizione o nell’anatomia del personaggio ,il flickr che ho creato circa due anni fa,e abbandonato, conteneva lavori di circa 5- 6 anni fa,dove acerbamente gli omaggi e le influenze della Dautremer erano preponderanti e quasi forzati forse cercando attraverso varie sperimantazioni la ricerca del mio stile,infatti i disegni appartevevano tutti a stili più o meno diversi escludendo la colorazione,e appunto per questo quel sito non è stato più aggiornato,aspettando,di creare uno spazio nuovo che degnamente e definitivamente, rappresentasse il mio lavoro nella sua totalità.
    Ma visto che Noemi ha dato un minimo di giudizio almeno sensato, quello di Matteo non lo capisco proprio dire che tutti i commenti positivi scritti appartengano a persone prive di qualsiasi tipo di senso artistico lo trovo senza alcuna ragione gratuito eccessivamente offensivo e largamente presuntuso.
    Va benissimo dissentire, va benissimo non essere d’accordo con il giudizio degli altri,va benissimo non apprezzare l’opera,trovarla anche orripilante, ma ergersi e sparare a zero cosi solo per il gusto di dire qualcosa lo trovo senza nessuna competenza fuori luogo.
    E comunque perbacco è in disuso almeno dal 1956.
    In bocca al lupo a entrambi!
    ringrazio valeria e tutti gli altri che seguono per i complimenti.

  8. Ciao Sara,
    è evidente che attraverso la mia spietata considerazione dei commenti entusiasti delle altre persone, sei tu a sentirti punta, più che legittimo.
    Però, e lasciamelo dire, mi è capitato tante volte di assistere allo sfacelo morale di un disegnatore incensato oltremisura da nonni e amici e poi stroncato da chi invece ne capisce qualcosa.
    Con questo non voglio dire che la tua tavola sia orripilante, no Sara, ma son portato a diffidare delle lodi speticate e non argomentate, e se vogliamo diventare dei professionisti dobbiamo accorgerci dei nostri limiti per imparare a superarli, e quando serve pure voltando le spalle a chi osanna inopportunamente il nostro lavoro.
    Ma forse a te non importa diventare una professionista (anche e non ci credo dopo aver visto i tuoi lavori), e allora sei contenta dei bei complimenti leggeri che ti stanno facendo…legittimo pure questo, perbacco!

  9. quoto matteo, a mio parere ci sono lavori che hanno affrontato il tema in modo decisamente più maturo e originale, sia nell’interpretazione del concetto di “siesta” che nella realizzazione tecnica e compositiva, ovviamente è la mia opinione

  10. ciao, mi piace il tuo lavoro, sia per la composizione che per la tecnica.
    Dolce e vagamente sognante lo sguardo di lei, molto bello.
    Ciao e complimenti

  11. Credo che un opera d’arte (definita come tale)nasca da esigenze personali. Indipendentemente da concorsi o altro. Non capisco perchè confutare le lodi di persone che sono sconosciute a chi legge ma non a chi ha realizzato l’illustrazione. Quindi io che non conosco Sara Amoruso e le dico che mi piace il suo lavoro sono più attendibile di altri? O devo essere testato sulle mie conoscenze prima di scrivere? Non capisco…Comunque l’illustrazione mi piace molto perchè hai dato un Tuo modo di vedere la Siesta con la tecnica più adatta alle Tue esigenze compositive e cromatiche. Posso solo aggiungere di volare leggera sulle nuvole della critica con la stessa naturalezza del tuo personaggio.Brava ancora.

  12. M’associo in pieno al pensiero di Christian.
    E aggiungo anche che si sta trasformando una sana competizione in una sorta d’assalto al libero pensiero, per non voler dire becere offese che vanno quasi sul personale.
    D’altronde, infierire e vanagloriarsi sono due azioni tipiche dell’italiano medio. Tra illustratori attempati e spunti di riflessione sull’importanza d’avere molti parenti e amici o l’inciso sulle proporzioni anatomiche da parte di giovani artiste in erba (e qui, lasciatevi pregare da chi di anatomia un po’ ne capisce), mi viene quasi da ridere (o piangere).
    Per quanto mi riguarda non sono abituato a sparare a zero sul lavoro altrui, che rispetto enormemente in ogni sua forma. Anzi, ne ho visti molti di lavori pregevoli. Però forse mi farei un enorme bagno d’umiltà prima di lanciarmi in inutili virtuosismi della tastiera che non fanno altro che creare rammarico in chi crede veramente in quello che fa.
    Per il resto, concentratevi sul vostro lavoro, che è la cosa più importante (d’altronde, quando il dito indica la luna, c’è sempre lo stolto di turno che guarda il dito…ma tranquilli, è made in Italy anche questo)…forse se qualcuno ha tanti amici, vuol dire che un po’ se lo merita, no?
    In bocca al lupo e complimenti a tutti!

  13. conosco Sara da 20 anni e so quanta passione e quanto di SUO mette nella sua Arte. (abbiamo iniziato insieme ma, mentre io regredivo 🙂 lei migliorava giorno dopo giorno)
    Gli amici, in virtù di amici, sono forzatamente portati a fare commenti positivi…ma non è questo il nostro caso..a sara nn servono commenti gratuiti anche perchè sa che quando c’era da criticare lo abbiamo fatto.
    il nostro è un supporto sincero! la conosciamo, conosciamo molti dei suoi disegni e conosciamo anche i sacrifici che fa per far si che la sua arte venga riconosciuta e che venga identificata con lei.
    tutti sappiamo che mondo difficile sia quello dell’arte..non tutti riescono a farne parti (e nn è solo una questione di talento!)e trovo scorretto e antipatico non criticare ma demolire e sputare su quello che una persona, un’artista, fa con voglia, amore, passione e anche sacrificio.
    in bocca al lupo Sara!

  14. matteo, mi daresti lezioni di senso artistico per favore? perchè io, perbacco, ho sempre pensato che si trattasse di qualcosa di intimo e personale e che l’arte,di per sè, sia espressione di qualcosa che non si può spiegare o razionalizzare. il tuo commento è offensivo nei confronti di coloro che si avvicinano all’arte in maniera pulita, curiosa e costruttiva e sopratutto che non si sentono detentori di una verità assoluta. se tutti avessero lo stesso “senso artistico” l’arte non esisterebbe. perbacco.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *