Vuoi iscriverti alla newsletter e rimanere aggiornato sul concorso?

La struttura di cristallo

Tecnica: china e colorazione digitale

Il contemporaneo è pervaso da un muoversi caotico, dalla velocità che tenta di sopprimere quei gesti semplici, quella riflessione, quel fermarsi anche solo a guardare ciò che ci circonda. La pausa è contemplazione rivolta fuori e dentro di noi. In opposizione alla caoticità che non è più possibile abitare, si ricerca un luogo dove sostare, una pausa, l’analogo al silenzio nella partitura, poiché non si da musica senza il silenzio.

Raffaele Primo Capasso
Raffaele Primo Capasso
Articoli: 1

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *