ex nihilo (nihil fit)


Autore
Victoria Hernandez
Messico

Il mio Caos

L’uroboro, il serpente che morde se stesso, la natura ciclica delle cose. Sistemi dinamici, come le dinamiche di flusso, imprevedibili; e dentro questo caos, un ordine invisibili.

Attrattori matematici, meteorologia, magnetismo, patroni che hanno un ordine ma che non si ripetono mai.
Irrepetibilità, nel repertorio folclorico di Messico, non ci sono due “alebrijes” uguali, animali fantastici pieni di colore e patroni. Frutto di sogni fantastici, senza senso. Frutto del caos.

Chaoskampf: nella lotta contra il caos, si rappresenta come un serpente, ci sono tanti motivi nelle cosmogonie, per i babilonesi: Tiamat, la dea del acqua di mare, il cielo e la terra formato del suo corpo diviso; per gli egiziani, Apopi, un serpente nero, autorigenerante. (l’uroboro: non c’è inizio e non c’è fine)

il cielo, l’abisso, il profondo, il principio. Caos.
Nel caos primordiale, il cosmo in potenza.


Technic
digital

Un pensiero su “ex nihilo (nihil fit)

  1. Splendido, ipnotico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *