Vuoi iscriverti alla newsletter e rimanere aggiornato sul concorso?

Rebirth

Tecnica: disegno realizzato a mano con matite e chine colorato digitalmente

La realizzazione di quest opera è basata su varie opinioni religiose e non del mito del giardino dell’eden.
Ho inserito all’interno della mia creazione quattro figure di cui due uomini e due donne di diverse etnie, ho ritenuto opportuno rappresentare queste a simbolo sia della procreazione che dell omosessualità.
L’ambiente che li circonda è arido e disabitato, oltre alle rovine di una città possiamo notare un enorme cimitero sottostante che vuole ricorda le brutte conseguenze che ha portato agli eroi dei miti. Inoltre l aridità dell amibiente rimanda al mito sumero di Shukallituda.
I personaggi curano, difendono e coltivano una piccola pianta che simboleggia l albero della vita che in questo caso dona l immortalità non all uomo ma Gaia in grado sempre di rigenerarsi.
Ultimo elemento ricorrente in tutti i miti è l’acqua versata da un casco di un soldato. Le 4 figure collaborano e svolgono la loro missione sporcandosi le mani. Tutta l opera mira a una rinascita del pianeta basata su una convivenza civile dopo che l uomo ha avuto e provato sulla pelle la conoscenza del bene e del male e quindo può fare ritorno al suo Eden.

jacopo vanni
jacopo vanni
Articoli: 1

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *