Vuoi iscriverti alla newsletter e rimanere aggiornato sul concorso?

Acrobazie sotto la gonna!

Tecnica: Tempera su carta

Il Sogno è una roba da matti, perché oggigiorno in pochi sognano ancora e vengono definiti Artisti, Strambi, Matti….Eppure sognare è facile. Io sogno e immagino piccoli mondi vivi che prendono vita al di là dell’apparenza: mondi di svolazzi mentali acrobatici e zucchero filato.

Donatella Penacchio
Donatella Penacchio
Articoli: 4

21 commenti

  1. Mi piacciono molto l’atmosfera e i colori di festa circense di seconda metà dell’ottocento, vengono in mente racconti per bambini o anche romanzi per adulti che abbiamo letto e magari dimenticato.

  2. Il Sogno è una roba da matti, ed è ancora più da matti smettere di sognare.
    Davvero bello iniziare l’anno con un quadro che ti proietta in un sogno!

  3. se mi permetti …manca un colore nel tuo disegno che lo renderebbe meno cupo: il verde…
    scusa la critica
    grazie

  4. Ciao Fabio, non scusarti per la critica: anzi ti ringrazio per il commento. A me non sembra cupa la mia illustrazione, anzi piuttosto luminosa…ma in effetti io sono di parte.
    Però hai ragione: un pò di verde le avrebbe donato brillantezza.
    Quindi grazie a te.

  5. trovo molto bella la resa dell’illustrazione oltre che molto fantasiosa l’idea gonna/tendone!!!
    Mi piace mi piace mi piace!
    🙂

  6. concordo pienamente con il commento di emanuele, un ritorno ai ricordi di infanzia , brava ! idea originalissima
    🙂

  7. Caro Agostino Sacchi, sono contenta che ti piaccia la mia illustrazione come del resto piace a me. Francamente ne sono molto soddisfatta malgrado non abbia vinto il concorso. Sono andata a cercare su internet questa Cerri ed effettivamente la sua opera ricorda la mia, la mia la sua. Questo mi fa prendere una decisione:la prossima volta che avrò una buona idea, qualcosa che mi sembrerà forte ed originale, prima di inviarla a un qualsiasi concorso andrò a controllare tutte le illustrazioni di tutti gli artisti che mi sarà possibile trovare per vedere se starò copiando qualcuno…perchè a quanto pare l’eventualità c’è sempre no? Visto che pure a te hanno detto che il tuo lavoro ricorda altri ma invece presumo sia farina del tuo sacco…Se è avvenuto un plagio, ti assicuro che è involontario. Quello che mi irrita è il tono dell’osservazione da “presa per i fondelli”…un tono che a quanto pare ha irritato anche altre persone. Comunque ognuno è libero di esprimersi come preferisce: avevo ben detto che i commenti sono la vera “roba da matti”.

  8. Ti posso assicurare che non intendevo prenderti in giro! Figuriamoci! Non ne avrei avuto ragione, dal momento che la tua illustrazione mi piace per davvero. In realtà titubavo a scriverlo perchè:
    1) Ammetto, la mia osservazione sarebbe potuta passare come ironica ;
    2) Non sapevo come l’avresti presa .
    Poi mi sono detto che dal momento che da parte mia non c’era ironia, potevo scrivere senza timore. Evidentemente mi sono espresso male (capita spesso).
    Peccato che sia andata così: la tua illustrazione certi sproloqui non li merita.
    Se ti ho offesa chiedo comunque scusa.

  9. Bè, il tono era quello…dovresti lavorarci un pò su per cambiarlo. Comunque oggi sono rimasta scioccata: il caso vuole che abbia avuto una bella idea, la sfiga vuole che prima era venuta ad un’altra persona. Comunque a me piace molto La Mia Ragazza: ho intenzione di lavorarci su: farla più grande ed elaborata sotto la gonna.
    Scusa se ti ho aggredito, posso assicurarti che sono innocente e il sentirlo messo in dubbio, anche se sbadatamente, mi ha dato fastidio.

  10. Non chiedere schusa. E’ vero, devo lavorare sul linguaggio!
    Prova leggere cosa ho scritto come commento alle news, centra un po’ anche questo piccolo episodio, ma non solo. La realtà è che, quando si è maldestri come me, si farebbe prima a non scrivere;)

  11. Ho letto quello che hai scritto nelle news. Quello che posso dirti è che io mi sono limitata quelle poche volte che ho commentato a “mi piace” proprio perchè so che siamo tutti vittime di fraintendimenti. La parola scritta può avere questo effetto e quello che è successo tra te e me ne è la dimostrazione. Questo perchè purtroppo siamo esseri umani e come tali suscettibili, permalosi, istintivi, sensibili. Con questo non ti voglio suggerire di lasciar perdere i commenti, l’avevo scritto già il 25 che sono la parte più divertente del concorso, solo che …hai visto che succede. A parte ciò, devo ammettere che questo scambio di battute mi piace: è la prima volta da che è iniziata e finita la competizione che interagisco attivamente con un altro artista. Grazie.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *