Vuoi iscriverti alla newsletter e rimanere aggiornato sul concorso?

You don’t love me, then stop

Tecnica: Matita e colore digitale

Ho rappresentato il sesso come metafora di un generico tipo di sopruso, non importa se fisico o psicologico: mascherato da piacere allettante, può rivelarsi una creatura maligna.
L’importanza della parola “Stop” sta in chi la pronuncia: nella mia illustrazione la donna piangente di Roy Lichtenstein sta ponendo fine al piacere effimero di una relazione tossica e al tempo stesso sta dichiarando la sua validità come individuo.

Giovanna Fabi
Giovanna Fabi
Articoli: 1

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *