Vuoi iscriverti alla newsletter e rimanere aggiornato sul concorso?

Scissors

Tecnica: Acrilico e matite

In arabo la parola ?cosa? si pronuncia ?shay?, un suono che in realtà è molto simile alla X. In matematica invece la lettera X indica un?incognita, una variabile.
La mia X, rappresentata enigmaticamente come una forbice, non è altro che una mistificazione di una variabile più tangibile di quella matematica, ossia quella delle nostre esistenze.
Rappresenta il coraggio di correre il rischio, di affrontare i cambiamenti, ponendo l?accento su una decisione piuttosto che l?altra, cercando di dare una risposta; e di identificare quell?incognita che è la nostra vita.
Nell?illustrazione la volontà di cambiamento è espressa dall?atto di tagliarsi i capelli, di voler modificare quindi la propria forma.
Mi è capitato spesso di riscontrare in diversi libri o racconti personaggi femminili che, in un momento particolare della vicenda, di punto in bianco decidono di tagliare la propria chioma. Il tagliarsi i capelli è riconosciuto come un simbolo rigenerativo, indica un drastico cambiamento e l?acquisto di una nuova forza, in seguito però a un sacrifico.
La forbice dunque sintetizza la variabile nascosta dietro a ogni decisione: cosa succederebbe se lo facessi o no? Chi diventerei? Cosa ne sarebbe di me?
E non solo, è anche il mezzo per risolvere e svelare tale incognita.

La X come forbice è un simbolo, un enigma da scogliere, mistico e sacro protetto nel disegno da una fragile campana di vetro. Anche la figura al di dietro è quasi effimera nella sua leggerezza. In fin dei conti l?esistenza è tenuta insieme da costanti variabili e, passando da una X all?altra, tenta di darsi una forma e di scoprire così la propria identità.

Laura Aldofredi
Laura Aldofredi
Articoli: 1

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *