Vuoi iscriverti alla newsletter e rimanere aggiornato sul concorso?

Quando l’asino volerà

Tecnica: digitale

Utopia, l’isola di Tommaso Moro, in cui vige la libertà di espressione e la pace sociale; la società ideale di Tommaso Campanella, fondata sulla libertà e sulla giustizia del singolo; la Londra immaginaria di William Morris, una città pacifica e serena, liberata dalle tenebre del capitalismo. Tutti questi: esempi di un mondo ideale, irrealizzabile, utopico, per l’appunto. Ma… cosa può esserci di più utopico di un asino che vola?

Chiara Palillo
Chiara Palillo

Sono una Graphic designer & illustratrice. Mi definirei una sognatrice, una amante delle cose belle e anche una meticolosa collezionista di ricordi.
Il disegno è il mio strumento di comunicazione preferito: amo illustrare ciò che mi circonda, esprimendo le mie emozioni e presentando la realtà con colori nuovi e vivaci. Acquerelli, gouche e pastelli sono i fedeli compagni dei miei lavori. Nelle mie illustrazioni, tecniche analogiche e digitali sono complementari.
Ho potuto arricchire le mie competenze in tecniche di disegno e pittura per l’illustrazione editoriale durante il workshop "Tempera e dintorni" (Illustramente Festival dell’illustrazione per l’infanzia, Palermo 12-17 ottobre 2015), tenuto dall’illustratrice Daniela Volpari.
Nel luglio del 2017 ho conseguito la Laurea triennale in Disegno Industriale presso l'Università degli Studi di Palermo, con la tesi: "Giardino della Kolymbethra, un progetto di comunicazione e segnaletica.", relatore Prof.ssa Cinzia Ferrara. Nel 2017, il progetto ha ottenuto una menzione speciale per il concorso Borsa di studio Gregorio di Agrigento 2017, per la tesi di laurea sull’archeologia e il paesaggio della Valle dei Templi, e poi, nel 2019, l'elaborato è stato selezionato e publicato nel volume per la quarta edizione AWDA, Aiap Women in Design Award, categoria studentesse.
Il 28 maggio del 2020 ho conseguito la Laurea magistrale in Design del prodotto e della comunicazione, Curriculum comunicazioni visive e multimediali, presso l'Università Iuav di Venezia, con la tesi: "Un libro per l’infanzia, per raccontare e far rivivere l’Opera dei pupi.", relatore Prof. Gianluigi Pescolderung. Il lavoro di tesi è stato candidato dalla commissione per il premio d'ateneo "La tesi più bella".

Articoli: 1

Un commento

  1. Questa illustrazione sa regalare un piacevole momento di distacco dalla realtà, un po’ come quando da bambini sfogliavamo i libri di fiabe e, guardando le immagini, ci riscoprivano protagonisti insieme ai personaggi della storia.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *