Vuoi iscriverti alla newsletter e rimanere aggiornato sul concorso?

Pericolo di Ciak: “non ci resta che piangere”

Tecnica: tecnica digitale

Per qualsiasi film, lungo o cortometraggio che sia, il ciak definisce il confine tra realtà e finzione (“fiction”) e definisce con precisione l’attimo in cui la vita si fa rappresentazione. In “Non ci resta che piangere”, la soglia del ciak non solo assolve alle funzioni citate ma segna anche l’inizio di un memorabile viaggio nel passato. Il treno – elemento che segna l’inizio e la fine delle vicende dei due protagonisti – rappresenta il viaggio stesso ed è elemento che separa, ma allo stesso tempo unisce, le due dimensioni temporali.

Stefano Santamato
Stefano Santamato
Articoli: 1

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *