Vuoi iscriverti alla newsletter e rimanere aggiornato sul concorso?

ma quale privacy?

Tecnica: collage + acrilico + digitale

Ho voluto rappresentare la privacy violata, nel modo più antico che esiste, ovvero, spettegolare.
Oggi diamo colpa ai social network per la violazione della nostra privacy, tutti la chiediamo e pretendiamo, ma allo stesso tempo siamo i primi a violarla, perchè è nella natura umana essere curiosi, soprattutto delle altre persone di nostra conoscenza. Prima di internet il mezzo per eccellenza per violare la privacy è la nostra voce, il salone del parrucchiere è stato da sempre luogo di pettegolezzi, perciò ho voluto usarlo, rappresentando donne di diversa classe sociale ed epoca, perchè spettegolare, si sa, è piacevole, è un po’ come la musica, unisce le persone nonostante le differenze sociali e di età.

simona de leo
simona de leo
Articoli: 1

Un commento

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *