Vuoi iscriverti alla newsletter e rimanere aggiornato sul concorso?

una “roba da matti”…. è una situazione particolare che non ti aspetti, che sfugge dalla logica quotidiana,che ti lascia perplesso… ti fa sorridere o ,in parecchie casi, ti fa imbestialire! Personalmente sono stanco di “imbestialirmi”, di arrabbiarmi per le cose da matti che vediamo quotidianamente, che sfuggono dal buon senso e dalla logica, preferisco di gran lunga le robe da matti che lasciano sul nostro viso quel sorriso che spesso, troppo spesso, dimentichiamo di indossare!

maurizio tacqui
maurizio tacqui
Articoli: 3

8 commenti

  1. Premetto che non sono un amante della tecnica sullo stile aerografo. Tuttavia devo farti i miei complimenti per l’ottima realizzazione e soprattutto (cosa non di poco conto) mi pare che la tua illustrazione sia tra le poche che, senza forzature, riesce a cogliere in pieno il tema. Davvero: appena l’ho vista mi è risultato spontaneo pensare che la ragazza stesse dicendo “che roba da matti!”.

  2. naturalmente un lavoro ineccepibile per tecnica, ma senza dubbio al pari di tanti lavori realizzati ad aerografo. Io non lo avrei premiato, perchè al di là dell’idea molto graziosa, non lo farei rientrare nel genere d’illustrazione per l’infanzia.

  3. hai ragione alessandro in effetti lo stile usato è decisamente anni 80 e tra i vari lavori pubblicati e proposti il mio stona un po…però devo dire che a dire il vero…il calendario non è espressamente realizzato per i bambini, casomai per le famiglie e le famiglie sono composte anche dalle mamme e dai papà…forse sarebbe più esatto dire che un illustrazione realizzata con questo stile è più collocabile in un contesto pubblicitario che editoriale.Ripeto ,comunque, di essere perfettamente daccordo sul fatto questa illustrazione sembri un “pesce fuor d’acqua” tra tutte le altre!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *