Vuoi iscriverti alla newsletter e rimanere aggiornato sul concorso?

Caos: un punto di vista

Ho deciso di considerare il Caos come qualcosa di soggettivo e non fortemente legato ad aspetti oggettivi. Spesso il Caos può essere percepito diversamente in base al proprio punto di vista e al proprio modo di vedere il mondo circostante. Ho voluto giocare con la parola ‘Cosa’ il cui anagramma (quindi vedendola da un punto di vista diverso) diventa ‘Caos’.

Salvatore Lupo
Salvatore Lupo
Articoli: 1

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *