Pubblicato il

L’ultimo viaggio di Tony Wolf

Cari Amici, purtroppo questa volta scriviamo per comunicarvi una triste notizia. Antonio Lupatelli, noto a tutti come Tony Wolf, è venuto a mancare venerdì 18 maggio. Siamo davvero addolorati perché oltre ad essere un grandissimo illustratore era una persona speciale. Molti di voi hanno avuto occasione di conoscerlo durante la mostra CIAO e sanno quanto fosse umile e riservato, e quanto ogni suo gesto fosse di una dolcezza immensa. La nostra associazione deve moltissimo a Tony Wolf perché fu il primo a credere nel nostro progetto più di dieci anni fa. Vorremmo ricordarlo con il sorriso delicato di questa fotografia, quella di un uomo buono e affabile che guarda con soddisfazione il lavoro di una vita intera trascorsa con la matita in mano. E ci auguriamo che la sua persona sia entrata anche nei vostri cuori così forte come è entrata nei nostri. Il suo funerale avrà luogo lunedì 21 maggio alle 10.40 nella chiesa di San Michele di Cremona. Antonio Lupatelli ha riempito di fantasia e colori le giornate di migliaia di bambini, ha immaginato tanti viaggi fantastici in compagnia di gnomi, folletti, giganti, fate. Ora siamo noi che dobbiamo immaginarci il suo ultimo viaggio, e accompagnarlo con la nostra gratitudine, la nostra stima immensa e il nostro affetto. Buon viaggio Antonio, buon viaggio Tony Wolf!

Tony Wolf
Tony Wolf alla mostra CIAO (foto di Michele Prosperi)

Condividi
  • 24
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    24
    Shares

2 pensieri su “L’ultimo viaggio di Tony Wolf

  1. Buongiorno,
    ho un dubbio che vorrei davvero risolvere. Da appassionata di Tony Wolf, mi stupisce leggere su tutti i necrologi: “è morto il papà di Pingu”. So che ci sono diversi libri di Dami su Pingu, illustrati da Wolf, ma non avevo mai sentito dire che lui fosse il creatore del personaggio. A voi risulta?
    La domanda potrà sembrarvi peregrina, ma sono abituata per lavoro a scontrarmi quotidianamente con la superficialità delle fonti online, purtroppo anche delle agenzie di stampa.
    Vorrei capire se questi coccodrilli che attribuiscono a Tony Wolf la paternità di Pingu siano l’ennesimo caso di copia-incolla generatore di errori, o se si tratta solo di una mia ignoranza.
    Grazie
    Stefania

    1. Ciao Stefania, ti confermo che si tratta di una inesettezza. Tony Wolf ha sì illustrato dei libri con protagonista Pingu, ma non è lui il creatore del personaggio. Si tratta di una riadattamento di una serie animata prodotta dalla televisione svizzera. A tal proposito ti riportiamo le parole di Tony Wolf dell’intervista pubblicata sul nostro catalogo:

      “Alla fine degli anni ‘80 Dami decise di trasformare in libri le avventure di Pingu, una serie animata per bambini realizzata in Svizzera, scritta dal regista tedesco Otmar Gutmann. Io fui incaricato di trasporre su carta quel personaggio di grande successo. Era una bella sfida, perché ero consapevole che difficilmente sarei riuscito ad eguagliare la simpatia del personaggio originale: essendo realizzato in plastilina, infatti, aveva un’aria goffa e divertente che non si poteva ricreare con la figurazione tradizionale.”

      Come hai giustamente sottolineato, il copia/incolla un po’ superficiale ha ingenerato un errore poco piacevole, sia nei confronti dei reali creatori del personaggio, sia naturalmente di Tony Wolf che – ci auguriamo – non venga ricordato solo per Pingu, data l’incredibile quantità di lavori che ha realizzato. In ogni caso questo è il disegno del “suo” Pingu:

      Pingu - Tony Wolf

      Invece è vera la notizia della paternità di Pandi, che tuttavia venne pubblicato con lo pseudonimo di Oda Taro e non di Tony Wolf. Nel caso di Pandi, sia il personaggio che i soggetti sono frutto della fantasia di Antonio Lupatelli che – come noto – quasi sempre si celava dietro vari psudonimi: Tony Wolf, Oda Taro, L’Alpino, Antony Moore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *